Party Jti all’insegna del Giappone high-tech

 

Durante i dieci giorni che la capitale dedica al grande cinema in anteprima è ormai un appuntamento fisso  il party serale organizzato da Jti (per il settimo anno consecutivo a fianco della Fondazione Cinema per Roma in qualità di Event Partner dell’undicesima edizione della Festa del Cinema). Ogni anno un tema nuovo; e se l’anno scorso ci aveva letteralmente incantato la festa a tema Studio 54, quest’anno a farla da padrone è stato il Giappone contemporaneo. Quindi atmosfere orientali hanno abbellito gli spazi crudi della ex-caserma Guido Reni; ma se Giappone fa subito pensare ai più  conosciuti cliché culturali, bastava un secondo, dopo essere entrati, per farsi trasportare, invece, da una ambientazione in perfetto stile high-tech.

dsc_0726_renamed_24171

Un mix travolgente di musica con DJ Set di Daniele Greco, performance live di loop station con Nastya Maslova, una silent disco (ogni ospite poteva ritirare una cuffia e sentire le sigle di cartoni animati giapponesi che hanno avuto successo in Italia) e show cooking di sushi, cibo raffinato e ottimo vino!

fullsizerender-3

Tra i numerosi ospiti, alcuni d’eccezione: il presidente di giuria della sezione Alice nella città, Matt Dillon arrivato un po’ più tardi del previsto ma in perfetta forma nonostante l’ora tarda e Jim Sheridan, il regista di The Secret Scripture (film che ha preceduto la festa, tenutasi giovedì 18 ottobre).

fullsizerender-4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *