Il Principe abusivo

 

Una favola moderna e divertente,  in cui tra strati sociali diametralmente opposti, differenze culturali e pregiudizi, prevalgono i buoni sentimenti e le anime gentili. Dopo essere stato un successo al cinema nel 2013, arriva al Sistina la versione teatrale del Principe abusivo, che ha consacrato una nuova e insolita coppia comica, Siani-De Sica.

Ecco Laura e Silvia Squizzato all'ingresso del Sistina per l'anteprima dello spettacolo Il principe abusivo (outfit Motelrocks)
Ecco Laura e Silvia Squizzato all’ingresso del Sistina per l’anteprima dello spettacolo Il principe abusivo (outfit Motelrocks)

Una principessa, un popolano, il ciambellano di corte e, attorno, castelli magnifici ma anche la Napoli popolare; gli ingredienti sono tutti sapientemente mixati per creare uno spettacolo di oltre due ore divertente e piacevole. Alessandro Siani strappa con le sue battute applausi a tutti, ride con il suo  pubblico facendo molte battute fuori copione; bravo anche il grande Cristian De Sica, con la sua doppia vita da ciambellano, uomo di classe che si trasforma in un “burino” per amore (belli anche  i pezzi che canta).

Non era facile  trasformare un film in uno spettacolo teatrale ma l’intento è perfettamente riuscito. Uno spettacolo che non è commedia classica (ci sono scene del film in sottofondo ad esempio a integrare alcuni passaggi del racconto), non è musical, ma si canta e si balla, e ha un impianto scenografico molto diverso dal solito, essendo in parte ottenuto con giochi di luci, proiezioni e retro proiezioni; azzeccati anche i balletti, con coreografie originali e sempre ben amalgamate alla storia.

Da non perdere!

Presente alla prima il 2 marzo anche l'attrice e conduttrice Chiara Sani
Presente alla prima il 2 marzo anche l’attrice e conduttrice Chiara Sani

A modern and fun fairy tale, where in diametrically opposed social classes, cultural differences and prejudices,  the good feelings and the good souls prevail. After being a success at the cinema, it gets to the stage version (at the Sistine theater) of Il Principe Abusivo (The abusive Prince), that consecrated a new and unusual comic duo, Siani-De Sica.

A princess, a commoner, the court chamberlain and, as setting, castles but also the popular Naples; the ingredients are all expertly combined to create a show of more than two fun and enjoyable hours. Alessandro Siani gets applause, he laughs with his audience doing a lot of jokes out of the script; good even the great Christian De Sica, with his double life as chamberlain, classy man who turns into a “hick” for love (beautiful even the pieces that he sings).

It was not easy to turn a movie in a theater comedy, but the intent is perfectly successful. A show that’s not a classic comedy (there are scenes of the film in the background for example to integrate some of the narrative passages), is not a musical but people sing and dance, and it has a very different scenography, that is in part obtained with the play of the light, projections and back projections, Also well chosen ballets, with original choreography and always well mixed to the show.

Not to be missed!

 

 

Alessandro Siani Christian de Sica
IL PRINCIPE ABUSIVO a Teatro
TUNNEL CABARET

TRATTO DAL FILM “IL PRINCIPE ABUSIVO”

DIRETTO DA ALESSANDRO SIANI

SOGGETTO E SCENEGGIATURA

DI ALESSANDRO SIANI E FABIO BONIFACCI

PRODOTTO DA CATTLEYA CON RAI CINEMA

Con Elena Cucci, Stefania De Francesco, Deborah Esposito,

Antonio Fiorillo,Marta Giuliano, Claudia Miele, Luis Molteni, Lello Musella,

Gianni Parisi, Giovanni Quaranta, Ciro Salatino, Alessio Schiavo, Mario Uzzi

Musiche inedite e testi originali: Umberto Scipione

Scenografo: Roberto Crea

Coreografo: Marcello Sacchetta

Effetti speciali: Clonwerk srl

Disegno Luci: Gigi Ascione

Costumi: Eleonora Rella

Impianti audio e luci: Lombardi srl

Realizzazione scena: Fratelli Giustiniani srl

Trucco e parrucco: Ciro Florio

Le canzoni “Make Someone Happy” e “Salt and Pepper” sono tradotte da Vincenzo Incenzo

2 thoughts on “Il Principe abusivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *